IL CALENDARIO DEL PESCATORE
Cosa e come pescare a GENNAIO
Home Page
Trota al laghetto sportivo In pieno inverno le possibilità di pesca diminuiscono e quindi anche in gennaio la pesca della trota nei laghetti sportivi rappresenta una valida opzione.   Con il freddo una buona tecnica è la tremeralla sotto riva da praticare nelle zone con poco fondo con piombi affusolati di 3-4 grammi specifici per questo tipo di pesca.  Il terminale va tenuto piuttosto corto (50 cm.) e occorre  ritirare sul fondo con brevi scatti alternati a soste di qualche secondo, lavorando con il ciminodella canna (che deve ballare) più che con il mulinello.  L'innesco migliore è costituito da camole del miele sorrette da un pallino di polistirolo infilato nell'amo insieme alle esche.  In questo modo il boccone rimane sollevato dal fondo e ben visibile alle trote.
Passata in movimento Il cavedano è uno dei pesci che continua ad abboccare nonostante il freddo e quindi la pesca a passata rappresenta una delle possibilità per chi intende pescare anche in questo mese.   Oltre a quanto consigliato per la pesca a passata del cavedano in dicembre, una buona idea è dedicarsi alla passata in movimento in piccoli corsi d'acqua e canali cercando di catturare i cavedani uno alla volta in posizioni diverse.  L'attrezzatura deve essere rigorosamente leggera per facilitare gli spostamenti: una canna fissa da 4 metri, galleggiante da 1 grammo o anche più piccolo, amo del 18, lenza dello 0,12 con finale dello 0,10.  
Cefali con il galleggianteLungo la costa, nei canali e nei fiumi che giungono al mare il periodo è buono per pescare i cefali con canna fissa e galleggiante.  Un'ottima posto di pesca è rappresentato dai piccoli corsi d'acqua che sfociano in spiaggia e che le mareggiate possono avere temporaneamente chiuso, ostruendone l'accesso al mare con la sabbia depositata.  In questi casi è facile che dei branchi di cefali siano rimasti intrappolati nel corso d'acqua: la situazione è ottima per pescarli con una canna da punta la cui lunghezza dipende dal posto ma deve essere quella minima che ci consente di pescare.  Infatti i cefali abboccano con diffidenza ed una canna più corta permette di reagire meglio con una pronta ferrata. Visto che l'acqua dovrebbe essere praticamente ferma a causa dell'ostruzione, la lenza deve essere leggera, composta da una serie di piccolissimi pallini distribuiti uniformemente e sorretta da un piccolo galleggiante affusolato. E' importante utilizzare un filo sottilissimo (0,08 o anche 0,06): infatti pescando in questa situazione ci è capitato di vedere aumentare considerevolmente il numero di abboccate semplicemente sostituendo un finale dello 0,10 con del nylon più sottile.  Si può utilizzare come esca il bigattino, innescato su amo del 20.  Ovviamente occurre pasturare all'inizio e durante l'azione di pesca utilizzando una confezione di pastura specifica per il cefalo al quale aggiungere qualche bigattino.
Spinning al luccio Nelle acque profonde dei laghi è il momento di pescare il luccio a spinning con cucchiaini ondulanti dalla barca, scegliendo di lanciare verso rive con insenature scoscese con erbe o rocce.  Il recupero va effettuato dopo un  breve primo affondamento, alternando l'azione di sollevamento a canna alta a quella di affondamento a canna bassa.